You are here

Roberto Salbitani: Il viaggiatore parallelo

Type:

Country:

Categories:

Exhibition Type:

How many artists: 
1

How many exhibition works:

Date: 
Friday, 13 January 2023 to Sunday, 22 January 2023
Opening: 
Friday, 13 January 2023 - 3:00pm to 7:00pm

L’edizione 2023 di BAF, la fiera d’arte moderna e contemporanea di Bergamo, ospiterà, come evento collaterale promosso da Promoberg s.r.l., la mostra “Il viaggiatore parallelo” di Roberto Salbitani, uno dei maestri della fotografia italiana contemporanea. La mostra, a cura di Sergio Radici, sarà allestita all’ingresso della fiera di Bergamo dal 13 al 22 gennaio 2023 e si compone di 20 fotografie in bianco e nero accomunate dal tema del viaggio in treno.

Un viaggio lento in cui farsi trasportare, come dice l’autore, “a corpo morto”, restando orizzontali e paralleli al paesaggio, mentre lo si attraversa sui binari e lateralmente, senza poterci entrare, da spettatori ripiegati su sé stessi. Il tempo del viaggio, da parentesi apparentemente sospesa tra due luoghi e due occupazioni quotidiane, è in realtà un tempo pieno durante il quale ci si può finalmente abbandonare all’immaginazione e ai propri pensieri più intimi. È in questo spostarsi che Roberto Salbitani, da viaggiatore parallelo, non subisce il tempo, ma lo vive accostandosi al viaggio in punta di piedi, mettendosi in ascolto, “in attesa di un prodigio”. Che non tarda ad arrivare perché la meraviglia è il viaggio stesso, in cui, alloggiati “per un po’ in un corpo di ferro e di finta pelle diviso in tanti scomparti”, possiamo assistere alla visione fugace di paesaggi incorniciati dai finestrini del treno, grandi “mirini predisposti alla ripresa”.

Il viaggiare di Salbitani, nel suo fotografare discreto, non si risolve infatti in un topos estetico ma si fa domanda e ricerca esistenziale, in un’analisi interiore connaturata al suo sguardo di fotografo, che usa la macchina fotografica per vedere più a fondo. In una sintesi estrema del fascino offerto da questo mezzo di trasporto ottocentesco, figlio della seconda rivoluzione industriale al pari della fotografia, Salbitani afferma: “Il treno è metafora di vita. È interno ed esterno, organismo introflesso ed estroflesso, luce ed ombra. […] Camera chiara personale ma anche camera oscura pubblica”.

Le fotografie esposte negli spazi di Bergamo Arte Fiera sono parte del progetto omonimo avviato tra gli anni Settanta e Ottanta, un’ottantina di fotografie scattate dall’interno dei treni in viaggio tra Italia, Francia e gli Stati della ex Jugoslavia. Dalla raccolta di queste fotografie e degli scritti teorici e personali relativi al viaggio nasce nel 2019 il volume “Roberto Salbitani, Il viaggiatore parallelo. Fotografie e scritti in diretta dal treno”, edito da Contrasto. Un tassello che si aggiunge alle già molte pubblicazioni dell’autore che indaga, con sguardo sempre genuino, il difficile rapporto tra l’uomo e l’ambiente in cui vive, dalle città in crescita ai territori snaturati dal violento processo di urbanizzazione. L’autore affianca all’attività di fotografo quella di insegnante e compagno di strada in programmi integrati di fotografia, dai “corsi in viaggio” alla Scuola di Fotografia nella Natura da lui fondata.

Roberto Salbitani sarà presente negli spazi di Bergamo Arte Fiera sabato 14 gennaio alle ore 15.00 per una conversazione sul suo lavoro intitolata “La vista immaginativa in 10 movimenti”: un dialogo con Roberta Valtorta, storica della fotografia, che a Salbitani ha dedicato nel 2013 un’ampia retrospettiva al Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo.

Curator :

Artist ( Description ): 

Nasce a Padova il 7 giugno 1945.

Inizia a fotografare nel 1971. Lascia gli studi universitari e per tutti gli anni ’70 fa della fotografia la sua compagna di vita. Tra i suoi temi preferiti la denuncia della disumanizzazione delle città moderne sempre più sopraffatte dal consumismo. Viaggia frequentemente in treno attraverso l’Italia e in molti paesi stranieri, in particolare in Francia, Spagna e Stati Uniti. La dimensione del viaggiare in sé e per sé è al centro delle sue esperienze e lo resterà per tutto il suo percorso espressivo. La fotografia diviene il tramite necessario del suo relazionarsi con le persone e i luoghi.

Il primo lavoro ha per titolo La città invasa (1972-1984), contemporaneamente costruisce la sequenza denominata Viaggio (1974-1982). Successivamente realizza: Dalle mille e una notte (passate al cinema) (1973-1980), Viaggio in terre sospese (1975), Viaggio nel sud-Italia (1981-1982), Lettera dall'ex manicomio S. Giovanni di Trieste (1986), Il punto di vista del topo (1986-1992) a cui si aggiungono i lavori eseguiti nei territori di Venezia, Napoli, Trieste e altre località italiane e straniere.

Nel 1978 viene pubblicata La città invasa, dalle edizioni Punto e Virgola, Modena: un libro ritenuto un caposaldo di quelle nuove correnti espressive della fotografia che sono apparse negli anni ‘70. Sue fotografie sono state pubblicate su volumi legati alle più significative esperienze della fotografia contemporanea tra cui Napoli ‘81, sette fotografi per una nuova immagine, ed. Electa, 1981. Trouver Trieste: visages et paysages hier et aujourd’hui, ed. Electa, Milano, 1986. Storia della Fotografia Italiana, ed. Laterza, Bari, 1986. L’Insistenza dello sguardo, ed. Alinari, Firenze, 1989. Terre a Nordest, ed. Alinari, Spilimbergo, 1996. L’idea di paesaggio nella fotografia italiana dal 1850 ad oggi, Silvana Editoriale, Modena, 2003. Storia d’Italia, vol. XX – L’immagine fotografica 1945–2000, Einaudi, Torino 2004.

Dopo aver collaborato alla rivista Progresso fotografico (1972 - 1978) inizierà nel 1986 a scrivere testi sulla fotografia per “Fotologia, Quaderni di storia e critica della fotografia” (Firenze).

Insegnamento    

Nel 1980 fonda il Centro Fotografia Giudecca nell’omonima isola veneziana dove fino al 1985 organizza programmi integrati di fotografia comprendenti corsi, esposizioni, incontri, lavori sul territorio e archivi storici.

Nel 1986 dà vita a Mogginano, in provincia di Arezzo, alla Scuola di Fotografia nella Natura dove conduce stage nei fine settimana fino al 1996.  Successivamente la scuola si trasferisce in altre località situate in paesaggi naturali (Tredozio, Siena) e i corsi confluiscono dopo il 2000 nelle attività del C.R.A.F di Spilimbergo.

Parallelamente inizia a condurre quelli che lui chiamerà “corsi in viaggio” e che lo porteranno a praticare una forma di insegnamento direttamente sul campo.

Nel 1992 pubblica Incontri con animali straordinari, ed. Mugnai, Bologna e realizza la sequenza fotografica (immagini e testo): Il punto di vista del topo (1986-1992).

Nel 1993 riceve il “Premio Friuli-Venezia Giulia” per la fotografia.

Nel 1994 pubblica Il viaggio, ed. C.R.A.F.1, Spilimbergo: libro che accompagna una retrospettiva del suo lavoro organizzata dall’omonimo centro friulano, successivamente ospitata dal Museo del Santo a Padova nel 1998.

Del 1999 è il progetto Ripensando Segantini e del 2000 Ritratti a Bologna.  Prende avvio nello stesso anno la serie Autismi che proseguirà per una decina d’anni: lavoro che ha per soggetto l’automobile e la strada.

Sempre in quegli anni prende forma il progetto dedicato a Venezia che si conclude nel 2007: “Venezia – Circumnavigazioni e derive”.

Esposizioni e pubblicazioni recenti

Nel 2011 partecipa alla 54° Biennale di Venezia con due sequenze tratte da “Autismi” e da “Venezia – Circumnavigazioni e derive”.

Nel 2012  pubblica nelle Edizioni Quinlan “Venezia – Circumnavigazioni e derive”.

Nel 2013 il  Museo di Fotografia Contemporanea ospita una retrospettiva del suo lavoro “Roberto Salbitani. Storia di un viaggiatore”, accompagnata dall’omonimo libro curato da Roberta Valtorta.

Nel 2015 partecipa all’esposizione “L'immagine dell'Italia attraverso la fotografia” organizzata nell’ambito delle manifestazioni per l'Expo di Milano 2015 con alcune immagini realizzate in Calabria negli anni '80.

Nel 2016 si inaugura la retrospettiva “Roberto Salbitani. Storia di un viaggiatore” al Centro Candiani di Mestre.

Nel 2017 pubblica Quaderni di Mogginano 1 (appunti, pensieri, racconti e immagini tratti dai diari del periodo in cui viveva in Toscana, a Mogginano).

Nel 2019 escono due sue pubblicazioni: Danzare la terra. La Tuscia antica dello sguardo, che accompagna l’omonima esposizione presso l’Università della Tuscia, e Il viaggiatore parallelo, fotografie e scritti in diretta dal treno.

Nel 2021 partecipa al libro Epistolari e memorie con Irwin Peter Russell con i suoi ritratti realizzati negli anni ’70 al poeta successivamente candidato al Premio Nobel.

Pubblicazioni individuali

“Il viaggiatore parallelo”, Contrasto, Roma, 2019.
“Danzare la terra. La Tuscia antica dello sguardo”, Viterbo, 2019.

“Quaderrni di Mogginano 1", Vicenza, 2017.

“Roberto Salbitani e l’immagine capovolta”, Pesaro, 2014.

“Roberto Salbitani. Storia di un viaggiatore”, a cura di Roberta Valtorta, Roma, 2013.

“Venezia. Circumnavigazioni e derive”, Quinlan, Castel Maggiore, 2012.

“Il viaggio”, CRAF, Spilimbergo, 1994.

“Roberto Salbitani”, Casarsa, 1994.

“Incontri con animali straordinari”, Montevarchi, 1992.

“La Città Invasa”, Modena, 1978.

“Immaginesimo”, Comune di Modena, 1974.

Collezioni pubbliche

Biblioteque Nationale, Paris

Museum of Modern Art, New York

Musee de la Photographie, Charleroi

Centro studi e Archivio della Comunicazione, Università di Parma

Art Museum, University of New Mexico, Albuquerque

The University of Wales, Aberystwyth, Wales

Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo

Museo Alinari della Fotografia, Firenze

Venue ( Address ): 

via Lunga, Bergamo

Other events from M2F Communication

view
BENGT LINDSTRÖM
11/16/2023 to 12/22/2023
view
GIROTONDI - cromie condivise
10/13/2023 to 10/22/2023
view
AVANGUARDIA FUTURISTA
05/18/2023 to 07/28/2023
view
Roberto Salbitani: Il viaggiatore parallelo
01/13/2023 to 01/22/2023

Pages

 

Related Shows This Week

view
Oakmont Alumni Art Exhibition
06/01/2024 to 07/27/2024
view
John Christian Anderson Selected Work | Fifty Years
06/01/2024 to 07/28/2024
view
AXEL HÜTTE - RÄUME
06/01/2024 to 07/27/2024
view
Jered Sprecher: The Space Between Earth And Sky
05/29/2024 to 07/13/2024
view
A Woman You Thought You Knew
04/11/2024 to 08/03/2024
view
Nick Brandt: SINK/RISE
06/17/2024 to 07/27/2024
view
Elizabeth
06/01/2024 to 07/01/2024
view
Isn’t Life a Blast: Celebrating Real Time Residency
05/16/2024 to 06/29/2024

Pages


 

 

Follow us on @_artweek